panettone pasquale beneventano

L’amore e la passione che ci lega alla nostra terra -il Sannio-, l’amore per la cucina fatta di prodotti davvero genuini e salutari, ci invoglia a ricercare e riscoprire le antiche ricette della tradizione beneventana. Tutto ciò avviene durante i momenti di riposo dal duro lavoro che caratterizza le Aziende Agricole.

Questa volta desideriamo rispolverare una ricetta ormai in disuso, una ricetta che ben rappresenta le antiche tradizioni delle famiglie beneventane, si tratta di un dolce tipico e caratteristico del periodo pasquale: il “panettone pasquale beneventano” conosciuto anche con il nome di “tortano”.

Ingrediente principale di questa ricetta sono le uova, prodotto disponibile in grandi quantità nei pollai delle campagne sannite, noi non possiamo far altro che impiegare questi preziosi regali delle nostre galline che vivono liberamente all’interno della nostra azienda, alimentate con le granaglie della nostra azienda.

La preparazione che stiamo per raccontarvi è in sostanza una “pasta cresciuta” ed è proverbiale la capacità dei beneventani di lavorare con maestria tali paste.

INGREDIENTI

  • 1 Kg di farina bianca
  • 350 g di lievito di pane, “il criscito”
  • 12 uova biologiche
  • 1 tazza i latte
  • 300g di zucchero
  • arancia canditi e uvetta
  • 250 g di burro o 150 g di sugna
  • 2 bustine di vainiglia
  • 2 bicchierini di rum e 1 di strega
  • 2 pizzichi di sale.

PREPARAZIONE

Preparate alcuni giorni prima il “criscito”, impastando un pezzettino di lievito di birra ed un pugno di farina con un pochino di acqua, lasciatelo così riposare fino al giorno dopo. Il giorno successivo bisogna rinforzare e riattivare il “criscito” inserendo altra farina e acqua e reimpastandolo. Lasciatelo ancora crescere e aggiungete il giorno dopo altra farina e acqua.

Il giorno successivo aggiungete altra farina (che andrà sottratta dal chilogrammo predisposto per i dolci), più due uova. Lasciate lievitare e il giorno seguente il giovedì della settimana santa nel pomeriggio rinforzate ancora una volta il vostro impasto con altra farina fino a raggiungere un peso complessivo di 350 grammi.

La sera stessa del giovedì santo iniziate la preparazione del panettone.

Mettete in una bacinella molto grande il vostro impasto, aggiungete un pizzico ancora di lievito di birra, il burro ammorbidito, due pizzichi di sale.

Aggiungete , durante l’impasto, il resto della farina e le rimanenti dieci uova, le uova vanno unite lentamente il successivo solo dopo che il precedente si è amalgamato. Durante l’impasto aggiungere lo zucchero, la vainiglia, un bicchierino di rum ed uno di strega.

Se la paste richiede di essere più morbida potete aggiungere solo il tuorlo di un uovo e un po’ di latte in più.

Fate in modo che l’impasto inglobi aria, sbattendolo, schiacciandolo e tirandolo. Coprite l’impasto con una tovaglia lasciatelo ancora lievitare fino all’indomani mattina.

L’indomani mattina dividete l’impasto, unite canditi e uvetta, magari un altro goccio di rum. Imburrate i recipienti alti circa 25 centimetri, riempiteli solo per un terzo, lasciate triplicare l’impasto al caldo.

Cuocete per mezz’ora ciascun panettone separatamente in forno preriscaldato a 180- 200 gradi.

Buon divertimento

SPERANDO DI AVERVI FATTO SCOPRIRE UNA NUOVA RICETTA TI INVITIAMO A CONDIVIDERE L’ARTICOLO SUI TUOI SOCIAL E TI DIAMO APPUNTAMENTO AL NOSTRO NUOVO ARTICOLO

Seguici sui nostri social

Condividi con i tuoi amici

Categories:

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
seguici sulla nostra mail
0